L’ora legale fa bene alla salute? Gli esperti dicono di no, indicando il sonno perduto

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Gli esperti medici continuano ad insistere sul fatto che l’ora legale ha un impatto negativo sulla nostra salute, compreso il fatto che i cambiamenti di orario possono disturbare il nostro ciclo del sonno per un certo periodo, poiché il cambiamento di orario induce cronobiologicamente uno spostamento del ritmo circadiano..

L’ora legale può comportare una perdita di sonno.

Per la maggior parte delle persone è più difficile svegliarsi durante l’estate, perché il cielo rimane più scuro più a lungo al mattino. A loro volta, molte persone hanno difficoltà ad addormentarsi perché è più tardi nella giornata.

Il Dipartimento dei Trasporti, che supervisiona l’ora legale, afferma che questa pratica consente di risparmiare energia, ridurre la criminalità e prevenire gli incidenti stradali. Ma molti esperti medici non sono d’accordo, affermando che le conseguenze sulla salute della perdita di sonno superano i potenziali benefici del cambio dell’ora. “I benefici sono teorici e gli svantaggi sono dimostrati”, ha affermato il dottor Martin.

Naturalmente, un sonno sano è essenziale. Studi precedenti, alcuni dei quali hanno esaminato specificamente gli effetti dell’ora legale sulla salute, hanno rilevato un legame tra la privazione del sonno a lungo termine e l’aumento del rischio di depressione, disturbi da uso di sostanze, malattie cardiovascolari, ecc.

Citando queste conseguenze per la salute, l’American Academy of Sleep Medicine ha pubblicato una presa di posizione per il 2020 che chiede l’eliminazione dell’ora legale e l’adozione dell’ora solare tutto l’anno.

Come funziona l’ora legale?

Se vi trovate in uno dei Paesi che attualmente utilizzano l’ora legale, cambiate gli orologi “a muro” due volte l’anno. In primavera inizia il periodo annuale dell’ora legale, con gli orologi che avanzano di un’ora rispetto all’ora solare e rimangono in ora legale fino a metà autunno.

Alla fine di ottobre si torna all’ora solare e si rimette l’orologio indietro di un’ora. Il ritorno all’ora solare, che è l’ora standard, è di solito “il cambio di orario più facile a cui adattarsi”, dice la dottoressa Abbott, che incoraggia le persone ad “approfittare di questo periodo per cercare di dormire un po’ di più”.

Tuttavia, il dottor Martin osserva che sono particolarmente colpite le persone che hanno già problemi di sonno, come l’insonnia, e i genitori con bambini.

“Molti di noi sentono il cambiamento in primavera, quando perdono un’ora di sonno, ma anche in autunno, quando si torna indietro, per alcuni è difficile adattarsi”, ha detto Martin. “È un po’ come avere il jet lag due volte l’anno”.

Da un punto di vista medico, molti esperti sottolineano che è essenziale adottare l’ora solare permanente e non l’ora legale.

Il dottor Abbott aggiunge che, sebbene quasi tutti vogliano sbarazzarsi dei due cambi d’ora annuali, “la vera domanda è: “Quale strada dobbiamo prendere?” … Dal punto di vista del sonno e della salute, la strada migliore sembra essere l’ora solare permanente”.