Dieci consigli per ridurre gli sprechi alimentari e non buttare via nulla!

Distribuire Pieghevole Indice dei contenuti

Non c’è nulla da buttare: più cibo, meno rifiuti. Questo è lo slogan che alcuni vorrebbero inculcarci. È un buon modo per incoraggiarci a usare i prodotti che acquistiamo in modo responsabile. Ma come possiamo evitare efficacemente gli sprechi alimentari? Ecco i migliori consigli!

Spreco alimentare: cos’è?

Lo spreco alimentare si riferisce a tutti gli alimenti che vengono scartati dalla catena alimentare, nonostante siano ancora perfettamente commestibili e adatto al consumo umano. I dati sono allarmanti. Infatti, un terzo del cibo prodotto nel mondo va perso o sprecato per il consumo umano.

1,7 miliardi di tonnellate all’anno, la quantità di cibo perso o sprecato ogni anno equivale a più della metà del raccolto mondiale di cereali (2,3 miliardi di tonnellate nel 2009/2010). Per gruppo, i tassi di spreco più elevati sono del 40-50% per radici e frutta e verdura. Il 35% per il pesce, il 30% per i cereali e il 20% per i semi oleosi, la carne e i prodotti lattiero-caseari.
Questo spreco è ancora più evidente se confrontato con i dati sulla povertà in alcuni Paesi. Attualmente, si stima che 795 milioni di persone siano sottonutrite. Un quarto delle perdite e degli sprechi alimentari contribuirebbe a nutrire 870 milioni di persone. Nel caso dell’Europa, le perdite e gli scarti sfamerebbero 200 milioni di persone.

Come ridurre gli sprechi alimentari?

Tutti possiamo contribuire a porre fine agli sprechi alimentari. Un’azione che comprende produttori, distributori, ristoratori, educatori e consumatori. La percentuale maggiore di rifiuti alimentari si verifica nelle famiglie. Ogni alimento che finisce nel bidone è soldi buttati via ed è un atto che danneggia l’ambiente.
È quindi giunto il momento di agire! Il Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) offrono alcuni consigli in merito:

Spreco alimentare

  • Pianificate il vostro menu settimanale e portate la vostra lista della spesa in negozio.
  • Andate a fare la spesa più spesso e riducete il volume dei vostri acquisti.
  • Servite porzioni più piccole a casa o condividete piatti più grandi al ristorante.
  • In negozio, non buttate via prodotti buoni perché “imperfetti” (colore, taglia, dimensione, imballaggio difettoso, ecc.).
  • Privilegiare i prodotti locali e stagionali e i canali di commercializzazione brevi, come l’acquisto diretto dal produttore.
  • Regolare le porzioni durante la cottura e il servizio
  • Utilizzate gli avanzi con ricette fantasiose
  • Al ristorante, chiedete un contenitore in cui mettere gli avanzi.

Altre abitudini per evitare gli sprechi alimentari?

Leggete le informazioni sulle etichette e imparate a interpretarle, se necessario. La data di scadenza indica la data dopo la quale un alimento non può essere consumato. Mentre dopo la data di scadenza, la qualità del cibo può diminuire ma è ancora commestibile.
Imparare a usare contenitori e sistemi di conservazione diversi vi aiuterà a conservare meglio gli alimenti, a mantenerli freschi più a lungo e a ridurre il rischio di intossicazione alimentare. Ad esempio, i contenitori in vetro con coperchio ermetico sono ideali per conservare gli alimenti nella dispensa e per conservare i liquidi avanzati o i cibi semisolidi nel frigorifero.