Le tigri della Tasmania, estinte da quasi 100 anni, potrebbero essere riportate in vita?

L’ultimo tilacino conosciuto è morto in cattività nel 1936.È possibile riportare in vita una specie estinta? Gli scienziati stanno facendo un “passo da gigante” in questa direzione, utilizzando l’editing genico per resuscitare la tigre della Tasmania, un marsupiale carnivoro dell’Australia e unico predatore marsupiale del continente. I ricercatori del progetto, nato dalla collaborazione tra l’Università di Melbourne e la società di ingegneria genetica Colossal Biosciences di Dallas, ritengono che questa “de-estinzione” potrebbe reinsediare le tigri della Tasmania. Tuttavia, questi sforzi sollevano anche interrogativi sull’opportunità di dare priorità alle soluzioni high-tech per resuscitare gli animali carismatici che l’uomo ha spazzato via, quando centinaia di specie sono ormai sull’orlo dell’estinzione, osserva il Guardian. Gli scienziati del laboratorio Thylacine Integrated Genomic Restoration Research (TIGRR) dell’Università di Melbourne hanno già sequenziato il genoma dei tilacini a partire dal DNA conservato e hanno identificato i marsupiali viventi più simili geneticamente ai tilacini, si legge nel comunicato. La tecnologia di editing genetico CRISPR di Colossal consentirà al gruppo di prelevare cellule da una specie marsupiale vivente strettamente imparentata, il dunnart dalla coda grassa (Sminthopsis crassicaudata)per creare un genoma modello e poi modificarlo per produrre un genoma di tilacino e far crescere embrioni vitali di tilacino”. Grazie a questa collaborazione, credo che tra dieci anni potremmo avere il primo cucciolo di tilacino vivo da quando è stato cacciato fino all’estinzione, quasi un secolo fa”, ha dichiarato nel comunicato Andrew Pask, professore di epigenetica all’Università di Melbourne e responsabile del laboratorio TIGRR. “Ora possiamo fare passi da gigante per conservare i marsupiali minacciati dell’Australia e affrontare la grande sfida della de-estinzione degli animali che abbiamo perso.Tigre della Tasmania“Le tigri della Tasmania, o tilacini, sono comparse in Australia circa 4 milioni di anni fa e un tempo erano diffuse in tutto il continente, secondo il Museo Australiano di Sydney. Nonostante il nome, in realtà non assomigliavano alle tigri; infatti, secondo l’Università di Melbourne, venivano talvolta chiamati “cani lunghi a strisce” per via della testa simile a quella di un cane e della groppa marcata in modo distintivo. I tilacini avevano orecchie e zampe corte e una coda lunga e rigida. Gli scienziati hanno riferito nel 2020 sulla rivista Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences che i tilacini sono scomparsi dalla maggior parte del continente australiano circa 2.000 anni fa. Secondo il National Museum of Australia (NMA) di Canberra, la popolazione della Tasmania era stimata in circa 5.000 individui al momento dell’insediamento europeo nel 1800. Ma negli anni Venti, migliaia di tigri della Tasmania sono state abbattute da cacciatori umani che hanno erroneamente considerato i marsupiali una minaccia per il bestiame. L’ultima tigre della Tasmania vista in natura è stata uccisa nel 1930 e l’ultimo esemplare in cattività – un individuo soprannominato “Benjamin” – è morto nello zoo di Hobart nel 1936.Secondo i ricercatori di de-estinzione, la resurrezione delle tigri della Tasmania sarebbe una storia di successo per la conservazione, non solo perché ristabilirebbe una specie persa a causa dell’attività umana, ma anche perché fornirebbe un’ancora di salvezza per le specie vulnerabili e a rischio in tutta l’Australia, “sviluppando tecnologie di backup gestazionale e genetico per i futuri sforzi di conservazione dei marsupiali”, ha dichiarato Ben Lamm, CEO e co-fondatore di Colossal, in un comunicato.” Con la biodiversità del nostro pianeta a rischio, continueremo a contribuire con risorse scientifiche per preservare le specie e gli ecosistemi necessari a sostenere la vita”, ha dichiarato Lamm.