I pinguini sono davvero monogami?

C’è qualcosa di tenero, forse addirittura romantico, nel corteggiamento dei pinguini. Dopo aver trascorso mesi in mare, a caccia di pesci e nuotando nelle acque più fredde, le femmine di pinguino tornano negli stessi siti di riproduzione anno dopo anno. Entrando in un bar in cui i maschi trombettano e si pavoneggiano, ignorano le avances e si dirigono verso i loro compagni della stagione precedente: i maschi che sono arrivati prima delle femmine per riordinare il loro nido. Ma tutti i pinguini sono ugualmente legati a un partner per tutta la vita? Si è scoperto che questi pinguini sono l’eccezione, non la regola. Sebbene la maggior parte dei pinguini si accoppi con un solo partner per stagione riproduttiva, possono copulare con molti altri pinguini in una colonia riproduttiva prima di stabilirsi per nidificare. E i tassi di fedeltà variano notevolmente da specie a specie. L’amore dei pinguini è complicato”. La risposta breve è no, i pinguini non sono realmente monogami”, ha dichiarato Emma Marks, ecologista comportamentale presso l’Università di Auckland in Nuova Zelanda, che studia il comportamento riproduttivo e la scelta del compagno nelle specie che si riproducono in modo coloniale, ossia gli uccelli che si riuniscono in grandi colonie per nidificare. “Gli allevatori coloniali come i pinguini possono essere monogami, nel senso che hanno un unico compagno con cui nidificano e allevano i pulcini ogni stagione”, ha spiegato Marks a Live Science. “Ma questo non significa che non ci siano ‘attività extraconiugali’: “Probabilmente i pinguini non sono sessualmente monogami. Molti pinguini giocano sul campo prima di stabilirsi con un partner per la stagione. A volte copulano con altri membri della colonia che sono già stati scelti, causando drammi degni di una soap opera, secondo Marks. Una conseguenza di questi triangoli amorosi disordinati è che quando una femmina depone il suo uovo, non è sempre chiaro se il maschio con cui trascorrerà la stagione stia allevando il proprio pulcino. Uno studio del 2018 pubblicato sulla rivista Zoo Biology ha descritto un pinguino gentoo (Pygoscelis papua) in un acquario dello Utah che, a causa della promiscuità della sua compagna, ha finito per allevare due pulcini figli di un altro maschio. Gli scienziati non sanno quanto questo fenomeno sia comune in natura perché, mentre i tracciatori e altre tecnologie possono aiutare i ricercatori a monitorare il comportamento di accoppiamento e la formazione delle coppie, non c’è stato alcuno sforzo concertato per testare la paternità dei pulcini in natura, dicono gli autori dello studio. Per allevare un pulcino in un ambiente così rigido come l’Antartide, sono necessari due partner impegnati e i pinguini si accoppiano per dividere efficacemente le responsabilità della manutenzione del nido, dell’incubazione delle uova e della caccia”. La monogamia sociale è un prerequisito”, ha detto Marks. L’allevamento dei pulcini richiede una grande coordinazione tra i due, e se questa dovesse venire meno, l’allevamento sarebbe un fallimento per la stagione”. “Questi accordi sociali possono persistere a lungo termine, con ogni stagione riproduttiva che porta gli stessi due genitori pinguini a tornare al loro nido per un altro anno. La frequenza con cui ciò avviene dipende in parte dalla specie. Una revisione della letteratura del 2013, pubblicata sulla rivista Comptes Rendus Biologies, ha mostrato che l’89% dei pinguini delle Galapagos (Spheniscus mendiculus) rimangono fedeli al proprio partner. Al contrario, uno studio del 1999 pubblicato sulla rivista The Auk ha dimostrato che solo il 15% dei pinguini imperatore (Aptenodytes forsteri) cercano lo stesso partner per le stagioni riproduttive successive. Secondo lo studio del 2013, la maggior parte delle specie torna a frequentare gli stessi partner con una certa costanza, con tassi di fedeltà che vanno dal 59% all’89%. Anche il successo della stagione precedente gioca un ruolo nel determinare se le coppie di pinguini rimangono insieme a lungo termine, spiega Marks. Se la coppia ha allevato con successo i pulcini fino alla maturità e il maschio mantiene un nido di qualità in una buona posizione, le probabilità che una femmina torni dal suo ex partner sono generalmente più alte. In caso contrario, è altrettanto probabile che le femmine se ne vadano in cerca di pascoli più verdi.pinguini” Per le specie coloniali, ci sono molte scelte”, ha detto Marks. “I tassi effettivi di “divorzio” – in cui i pinguini abbandonano attivamente i loro precedenti partner a favore di nuove conquiste – sono difficili da calcolare, poiché non tutti i pinguini tornano ai luoghi di riproduzione ogni stagione. Quando si formano nuove coppie, può essere difficile stabilire se si tratta di una decisione personale o se il pinguino si è spostato solo dopo che l’altra metà non è tornata, ad esempio se è stata mangiata da un’orca o da una foca. La predazione non è l’unica minaccia alla vita amorosa dei pinguini. Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Ambio, le popolazioni di pinguini stanno diminuendo a causa della riduzione della quantità di krill disponibile per il cibo. Secondo lo studio, i cambiamenti climatici e le attività di pesca dell’uomo sono i principali fattori responsabili della riduzione del numero di krill. I cambiamenti del ghiaccio marino indotti dal clima costringono i pinguini a spostarsi in zone di riproduzione diverse, rompendo le coppie di lunga data e influenzando la migrazione. Secondo Marks, alcuni maschi arrivano ai siti di riproduzione esausti per aver navigato nel mutevole paesaggio marino e glaciale, troppo disordinati per sedurre le femmine e troppo esausti per prendersi cura delle uova in modo appropriato. Il sito di riproduzione che un tempo ospitava 25.000 coppie di pinguini imperatore ogni stagione è sterile dal 2016″. I cambiamenti climatici stanno probabilmente diminuendo i tassi di successo delle colonie riproduttive”, ha dichiarato Marks. “Ogni volta che i tassi di fallimento sono più alti, ci aspettiamo tassi più elevati di turnover dei compagni”.